Archivi mensili: febbraio 2012

Voilà, la gaffe è servita

In gergo si chiamano bloomers: sono gli errori che possono trasformare (e deformare) una traduzione con effetti divertenti o persino imbarazzanti. Uno dei più maldestri risale agli anni 60/70, quando nei romanzi di fantascienza l’espressione Silicon Valley si trasformava magicamente in “Valle di Silicone”. Un errore che oggi farebbe sorridere ma che allora ha trovato 

Terminologia, validità dei contenuti nel manuale d’uso e strategie per la gestione di e-books e apps

La COM&TEC, Associazione Italiana per la Comunicazione Tecnica, organizza a Bologna il seminario dal titolo: “Terminologia, validità dei contenuti nel manuale d’uso e strategie per la gestione di e-books e apps”. L’evento si terrà a Bologna il giorno 23 marzo p.v. Sono previsti i seguenti interventi: “Terminology project and process management: an introduction; A new 

Le Grand Paris

“Le Grand Paris de l’agglomération parisienne” è il titolo dell’evento, dedicato alle 10 proposte visionarie per la Parigi del Ventunesimo secolo, voluto da Nicolas Sarkozy. A un traduttore non passerà inosservato l’uso della forma maschile: Parigi, infatti, è un toponimo maschile e, quindi, la vecchia Parigi si dice “Le vieux Paris” e non la “Vieille Paris”.Il nome 

Inglese, italiano…inglesiano!

Continua il nostro viaggio tra le incursioni dell’inglese nella lingua italiana. Quanto influiscono informatica e tecnologie digitali sulla graduale trasformazione dell’italiano in una lingua ibrida e a tratti extraterrestre come l’inglesiano? Non stiamo parlando di termini ormai consolidati come mouse, browser, home page, per cui non disponiamo di un’alternativa adatta e che sarebbe ridicolo cercare 

Se il Made in Italy parla inglese

Quando pensiamo al Made in Italy, una delle prime cose che ci vengono in mente sono gli abiti, gli accessori e le calzature firmati dai nostri stilisti e apprezzati in tutto il mondo. Un biglietto da visita senza pari, che ha contribuito ad affermare il Paese come grande fucina creativa e artigianale. Ma per parlare